Che cos’è e quali sono le cause?

L’orgasmo è lo stato di massimo piacere, solitamente associato alla massima eccitazione sessuale, che porta al rilascio di tensione sessuale e una sensazione di soddisfazione (completa o parziale). È associato a molte reazioni psicologiche, tra cui lo stato alterato di coscienza, e fisiologico, come contrazioni uterine, aumento del tono muscolare in tutto il corpo, sudorazione, contrazioni ritmiche dei muscoli del fondo della parete pelvica, arrossamento della pelle, ecc

Gli orgasmi

La natura dell’orgasmo femminile è complessa e non è stata ancora completamente esplorata. Rimane indeterminato se è innato o colto; le esperienze emotive sono più importanti o una risposta fisiologica completa? infine, se è necessario ottenere piacere e gratificazione sessuale, e in che misura la sua esperienza e il suo significato dipendono dalle caratteristiche e dai bisogni di una donna particolare. Con il semplice fatto di considerare questi dilemmi, si può concludere che sperimentare un orgasmo è molto vario e individuale. Alcune donne potrebbero non sperimentarlo affatto e allo stesso tempo ottenere piena soddisfazione dalla loro vita sessuale, mentre altre assoceranno solo il sesso alla ricerca del climax. Gli orgasmi possono essere innescati da vari tipi di stimolazione sessuale-questo è dovuto alla struttura individuale, alla storia dello sviluppo psicosessuale e alle preferenze. Non ci sono modi migliori o peggiori per raggiungere l’orgasmo, né indicazioni sulla frequenza e l’intensità con cui dovresti sperimentarlo. L’unico criterio importante per la sua valutazione sono i bisogni di una donna particolare.

Disturbi dell’orgasmo femminile

Il disturbo dell’orgasmo femminile è definito come quando una persona ha un orgasmo significativamente ritardato, non si verifica affatto o dà piacere minimo, nonostante il desiderio e l’alto livello di eccitazione sessuale, e quando la condizione provoca disagio, riducendo la soddisfazione generale della donna con esso. vita sessuale. Le cause di questo disturbo includono fattori biologici, psicologici e sociali.

I seguenti fattori biologici includono: disfunzione dei muscoli della parete pelvica inferiore, disturbi ormonali, malattie somatiche come diabete, infezioni, artrite, disturbi mentali, comprese le dipendenze. La rilevazione di carichi biologici significativi spinge, soprattutto, ad affrontare il loro trattamento e ad aspettarsi un miglioramento della funzione orgasmica man mano che la terapia della malattia di base progredisce. Se il disturbo orgasmico non dipende da fattori somatici, l’attenzione è rivolta a importanti fattori psicologici in una data donna, come: relazioni disturbate, esperienza di trauma sessuale, paura della gravidanza, altri problemi nel campo della vita sessuale. L’aiuto di uno psicoterapeuta o sessuologo può anche essere importante per correggere il ruolo dei fattori sociali, come: mancanza di educazione sessuale sufficiente (inclusa l’incapacità di riconoscere le proprie reazioni sessuali), idee sbagliate sull’attività sessuale, morale restrittiva o credenze religiose. I disturbi orgasmici organici (malattie somatiche) spesso compaiono o peggiorano improvvisamente, mentre quando predominano le cause psicosociali, è più spesso un problema a lungo termine.

Diagnosi e trattamento

I metodi psicoterapeutici e farmacologici sono usati per trattare i disturbi orgasmici. I metodi terapeutici includono la psicoeducazione, le tecniche di allenamento (allenamento di coppia o individuale), la terapia cognitivo-comportamentale (finalizzata a cambiare atteggiamenti, ridurre l’ansia, apprendere nuovi comportamenti), la terapia psicodinamica (analisi delle cause emotive delle inibizioni, difficoltà interpersonali, ecc.) o coppia. terapia. Il trattamento farmacologico a lungo termine nel caso di disturbi somatici spesso consente di “riavviare” la reazione all’orgasmo, soprattutto se consiste nel modificare l’attuale farmacoterapia che l’ha bloccata.

I farmaci utilizzati includono:

  • sildenafil
  • bupropione
  • buspirone ed efedrina

Ma non ci sono dati convincenti sulla loro efficacia nel trattamento dei disturbi orgasmici nelle donne, specialmente se sono il risultato di fattori psicosociali.

Prima di prendere questo medicinale

Non usare sildenafil se sei allergico ad esso o:

  • se sta assumendo altri farmaci usati per trattare l’ipertensione arteriosa polmonare, come il riociguato (Adempas).

Non dovresti prendere questo medicinale se usi anche nitrati per dolori al petto o problemi cardiaci. Questo include nitroglicerina, isosorbide diazotato e isosorbide mononitrato. I nitrati si trovano anche in alcuni farmaci ricreativi, come il nitrato di amile o il nitrito (“poppers”). L’assunzione di sildenafil con il farmaco nitrato può portare a una diminuzione improvvisa e grave della pressione sanguigna.

Per assicurarti che il sildenafil sia sicuro per te, informi il medico se mai:

  • problemi cardiaci (dolore toracico, aritmia, infarto);
  • alta o bassa pressione sanguigna;
  • problemi circolatori;
  • degenerazione pigmentata della retina (condizione congenita dell’occhio);
  • cecità in uno o entrambi gli occhi;
  • problemi di sanguinamento;
  • ulcera gastrica;
  • malattia delle vene polmonari (PVOD);
  • malattia epatica o renale;
  • disturbo delle cellule del sangue come anemia falciforme, mieloma multiplo o leucemia;
  • deformità fisica del pene (come la malattia di Peyronie); o
  • se ti è stato detto che non dovresti avere rapporti sessuali per motivi di salute.

Il sildenafil può ridurre il flusso di sangue al nervo ottico dell’occhio, causando un’improvvisa perdita della vista. Si è verificato in un piccolo numero di persone che assumevano sildenafil, la maggior parte dei quali aveva anche malattie cardiache, diabete, ipertensione, colesterolo alto o alcuni problemi agli occhi preesistenti, così come quelli che fumavano o avevano più di 50 anni. Non è chiaro se questo farmaco sia la vera causa della perdita della vista.

Si presume che questo farmaco non danneggi il nascituro. Informi il medico se sei incinta o hai intenzione di rimanere incinta. Le donne con ipertensione arteriosa polmonare non dovrebbero smettere di usare sildenafil senza consultare un medico.

Non è noto se il sildenafil entri nel latte materno o possa danneggiare un bambino che allatta. Informi il medico dell’allattamento al seno. Le donne con ipertensione arteriosa polmonare non dovrebbero smettere di usare sildenafil senza consultare un medico.

Non somministrare questo medicinale a persone di età inferiore ai 18 anni senza consulenza medica.